Alfabeto tibetano

Alfabeto tibetano


L’alfabeto tibetano nasce nella metà del VII secolo e la sua invenzione è attribuita a Sambhota che si recò in India per studiare la scrittura e introdurla in Tibet. La struttura delle lettere si basa su una delle lingue allora in uso in India, ma la certezza di quale fosse non è stata raggiunta. L’alfabeto tibetano è utilizzato oltre che per la lingua tibetana anche per la lingua ladakhi e quella dzongkha. Il sistema per la romanizzazione della scrittura più usato è il Wyle.
L’alfabeto ha 30 consonanti che includono sempre la vocale a. 

Le altre vocali sono i-e-o-u.


Nessun commento: